Il mistero del Baule Parlante

Un resoconto, molto più breve di quello fatto da Angela, del campo scuola dei ragazzi tenutosi dal 21 al 26 luglio sempre a Giano dell”Umbria.

baule.jpg

Il campo si basava su una sola storia intitolata “Il mistero del Baule Parlante”. I protagonisti della storia sono due gemelli, Iren e Jack, in vacanza a casa di nonna Kate. Nella soffitta della nonna trovano un anziano baule parlante contenente molti oggetti. Il baule li spedisce in periodi storici e continenti diversi per insegnare loro come comportarsi al meglio…e i ragazzi superano al meglio tutte le prove salvandosi dai pericoli e imparando molte cose.

Nello schema seguente sono sintetizzati i temi in corrispondenza delle loro avventure:

  1. I Pirati: accoglienza della diversità
  2. Nel Medioevo: una scelta per la vita
  3. Egitto: l’amicizia
  4. Il bosco: la famiglia

I segni del campo sono stati diversi: una mappa, il baule, lo scudo, la spada, una perla, una torcia (quella a fibre ottiche che nelle foto Maria usa come scettro) ed una corda. In particolare la perla era legata al tema dell”amicizia, quindi l”hanno restituita insieme ad un biglietto su cui ognuno ha scritto un gesto d”amicizia ricevuto da Gesù durante quella giornata, tutte le perle poi sono andate a costituire una collana. La corda era invece legata alla famiglia, rappresentava la difficoltà dei legami familiari, tendendola troppo infatti si è spezzata.

L”ultimo giorno, in occasione della Messa finale con i giovani, è stato consegnato a tutti un portachiavi, il sandalo di San Francesco che porta scritta la data del campo.

Anche con i ragazzi abbiamo fatto alcune uscite. Il 22 luglio siamo andati a visitare l”abbazia di San Felice dove abbiamo animato la celebrazione eucaristica presieduta da don Luciano; il 24 ci siamo recati ad Assisi visitando San Francesco, Santa Chiara e san Damiano ed il 25 l”uscita in piscina.

Non so cosa sia rimasto ai ragazzi di questo campo, personalmente porto nel cuore ognuno di loro, mi hanno permesso di crescere, e mi sono davvero affezionata a loro, in un modo che non avrei creduto possibile.

                                                                      ciondolo.jpg

 

Ilenia

Autore dell'articolo: angela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.